Palloncino gastrico per la perdita di peso non chirurgica

 

Il palloncino gastrico (chiamato anche palloncino intragastrico o palloncino dello stomaco) è una procedura per la perdita di peso non chirurgica approvata dalla FDA. Prevede l’inserimento temporaneo tramite ingestione di un palloncino espandibile nello stomaco e la sua permanenza per non più di 6 mesi. Il palloncino intragastrico porta al calo di peso riducendo la quantità di cibo ingeribile durante un pasto. Rallentando il transito verso lo stomaco del cibo e dei liquidi consumati, fornisce sazietà per più tempo con porzioni più piccole di cibo.

 

Il palloncino gastrico è un trattamento dell’obesità raccomandato se hai provato e fallito a perdere peso con diete ed esercizio fisico e hai un BMI da 30 a 35 e almeno una delle problematiche correlate all’obesità. A volte, i pazienti potrebbero essere eleggibili per questo trattamento con un BMI fino a 27. Sconsigliamo il palloncino gastrico per i pazienti patologicamente obesi (BMI >40) e super-obesi (BMI >50). Il palloncino intragastrico è stato abbondantemente utilizzato dagli anni ‘90 poiché considerato una efficace alternativa per chi non può sottoporsi ad una chirurgia bariatrica chi preferisce evitare interventi permanenti o invasivi.

 

Comprensione dei sistemi di palloncini intragastrici

Il “palloncino” del sistema chiamato palloncino gastrico è un impianto morbido e sgonfio privo di lattice e a base di silicio. Viene definito palloncino gastrico poiché rimane nello stomaco solo temporaneamente, dopo l’ingerimento tramite bocca e il passaggio nell’esofago. Solitamente, il palloncino gastrico espandibile viene inserito nello stomaco tramite un endoscopio, uno strumento flessibile, sottile e tubolare con una fotocamera e una luce all’estremità, rendendo possibile vedere all’interno del corpo del paziente. Grazie però agli sviluppi tecnologici, esistono pillole ingeribili che non richiedono l’inserimento del palloncino con una procedura endoscopica, rendendolo meno invasivo.

Not: Bu makaleden sonra mide balonu ücretlendirmeleri üzerine bilgi paylaştığımız yazımıza göz atmayı unutmayın

 

 

 

 

Come funziona un palloncino gastrico?

Il palloncino intragastrico introdotto nello stomaco di un paziente agisce in due modi:

  • Limitando la quantità di cibo assumibile occupando spazio nello stomaco
  • Rallentando la digestione di cibo e liquidi ingeriti

Dopo il posizionamento nello stomaco del palloncino, si riempie solitamente con l’utilizzo di una soluzione salina. Bisogna specificare che diversi tipi di palloncino gastrico hanno differenze, ad esempio Obalon viene riempito con un gas a base di azoto. Successivamente, entreremo più in dettaglio sui diversi tipi di palloncini gastrici.

Il palloncino intragastrico pieno di salina, limitando lo spazio disponibile nello stomaco limita dunque la quantità di cibo che è possibile ingerire. In media, la capacità in volume dello stomaco in un adulto è di 1,7 litri mentre un palloncino gastrico occuperà dai 400 ai 700 ml.

Il palloncino gastrico viene considerato una procedura restrittiva. La perdita di peso sarà possibile non solo limitando la quantità di cibo ingeribile ma anche rendendo possiible un senso di sazietà più duraturo. Non si presenta il rischio di malassorbimento o malnutrizione perché le componenti nutritive vengono assorbite regolarmente senza interferenza.

 

Quando è stato inventato il palloncino intragastrico?

Il concetto della capacità di perdere peso grazie ad una riduzione della capacità dello stomaco tramite un dispositivo ingeribile non è nuovo. Nel 1938, Michael DeBakey ha osservato in uno studio che i bezoari hanno portato alla perdita di peso nei pazienti osservati. I bezoari sono materiali solidi parzialmente o non digeriti che possono accumularsi nel tratto digestivo. Nei primi anni 80 sono iniziati gli esperimenti di palloncino gastrico per ridurre lo spazio disponibile dello stomaco.

• Il palloncino galleggiante di Nieben e Harboe nel 1982.

• La “dieta del palloncino” di Percival consistente in protesi mammarie gonfiate sotto forma di palloncini intragastrici nel 1984.

• Il Garren-Edwards Bubble, primo metodo accettato dalla FDA, nel 1985.

Materiali e modelli di palloncino intragastrico

I progressi tecnologici hanno permesso la creazione di diversi tipi di palloncino gastrico da parte di diverse aziende con diversi materiali di riempimento, durate, il metodo di inserimento e materiali.

OrberaTM Reshape DuoTM The Spatz3 Adjustable Balloon System Elipse Mide Balonu Obalon Balloon System MedSil Medicone
FDA tarafından 2015 yılında onaylandı. CE Onaylı Artık FDA onaylı değil. CE Onaylı. Henüz FDA tarafından onaylanmadı. CE Onaylı. Henüz FDA tarafından onaylanmadı. CE Onaylı. FDA tarafından 2016 yılında onaylandı. CE Onaylı.

Henüz FDA tarafından onaylanmadı.

CE Onaylı.

Henüz FDA tarafından onaylanmadı. CE Onaylı.
Apollo Endosurgery ReShape Medical Spatz FGIA Inc. Allurion Technologies Obalon Therapeutics MedSil

Medicone

 

Silikon (Tuzlu çözelti 400–700 mL)

 

Silikon (Tuzlu çözelti 450 mL)

Silikon (Ayarlanabilir)

 

Polimer film (450–550 mL sıvı) Jelatin kapsül (Gaz 250 mL) Silikon (Tuzlu çözelti 400–700 mL) Silikon (Tuzlu çözelti 300–700 mL + metilen mavisi)
1 balon 2 balon 1 balon 1 3’e kadar 1 balon 1 balon
6 ay 6 ay 12 ay 4 ay 3-6 ay 6 ay 6 ay
Endoskopi yardımıyla yerleştirilir Endoskopi yardımıyla yerleştirilir Endoskopi yardımıyla yerleştirilir Yutularak Yutularak Endoskopi yardımıyla yerleştirilir Endoskopi yardımıyla yerleştirilir
Endoskopi yardımıyla çıkarılır Endoskopi yardımıyla çıkarılır Endoskopi yardımıyla çıkarılır Dışkı yoluyla doğal olarak atılır Endoskopi yardımıyla çıkarılır Endoskopi yardımıyla çıkarılır Endoskopi yardımıyla çıkarılır

Chi può usufruire del palloncino intragastrico?

 Il palloncino intragastrico è una soluzione non invasiva e non chirurgica per l’obesità. I pazienti che scelgono questo trattamento apprezzano la possibilità di evitare interventi chirurgici invasivi con un maggior rischio di complicanze postoperatorie. Nonostante i pochi rischi associati al palloncino gastrico soprattutto se in paragone ad altri trattamenti, nella nostra clinica valutiamo accuratamente chi è un buon candidato e consigliamo alternative in presenza di una condizione che non ti permette di affrontare questo trattamento.

Autoverifica: “Sono idoneo al palloncino gastrico?”

• Sei un adulto, più di 18 anni.
Hai già provato esercizio fisico e dieta, senza perdere peso.
Hai un indice di massa corporea (BMI) tra 30 e 40 e hai uno o più problemi di salute legati all’obesità.
Non hai subito alcun intervento bariatrico prima.

È importante sottolineare che i risultati ottenibili con il palloncino gastrico dipendono dalle scelte di vita del paziente. I pazienti sono buoni candidati se sono coscienti del fatto che ci saranno risultati solo con un cambio di vita, nuove abitudini, una vita sana ed esercizio fisico. Qualora i pazienti non siano pronti a questi cambiamenti e al loro mantenimento nel tempo, non saranno buoni candidati per la procedura.

Autoverifica: se è presente uno o più delle seguenti condizioni, bisognerà trovare un’alternativa con il proprio medico.

Se non intendi prendere impegni a lungo termine per dimagrire.
Se hai una grossa ernia iatale
Se hai un reflusso acido estremo prima dell’intervento
Se hai abuso di alcol o droghe
Se sta seguendo una terapia steroidea o immunosoppressiva cronica
Se sei in stato di gravidanza, in allattamento o se stai provando ad avere figli.
Se hai già subito un intervento chirurgico bariatrico.

I pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica, come bypass gastrico, chirurgia della manica gastrica o interruttore duodenale, idealmente non sono buoni candidati per l’operazione con palloncino gastrico poiché la grandezza del loro stomaco non è sufficiente.

Come viene inserito il palloncino gastrico?

L’inserimento del palloncino gastrico è rapido e non invasivo richiedendo solo 30-40 minuti, effettuato da gastroenterologi esperti (denominati anche endoscopisti gastrointestinali) o chirurghi. Non esiste un solo metodo di inserimento ma variano in base al tipo di trattamento di palloncino intragastrico, un anestesista sarà presente qualora il palloncino gastrico sia posto endoscopicamente sotto sedazione. Non potrai mangiare per almeno 6 ore prima dell’inserimento. Normalmente, dopo essere sicuri che non ci siano complicazioni, i pazienti possono tornare a casa una o due ore dopo che la procedura è terminata.

I palloncini intragastrici possono essere inseriti nello stomaco tramite ingestione o endoscopicamente. In primo luogo, parleremo dei modelli Orbera, Spatz3, Medsil, e sistemi a palloncino gastrico Medicone.

I.Il palloncino intragastrico sgonfio verrà inserito nello stomaco per via endoscopica.

Un tubo sottile e flessibile verrà inserito nel tuo stomaco (anche detto catetere) riempito con il palloncino gastrico. L’endoscopio percorrerà la gola, passando attraverso l’esofago sarà possibile vedere l’interno dello stomaco per poi posizionare il palloncino.

II.Dopo aver posizionato il palloncino, verrà gonfiato con 400 ml a 700 ml di soluzione salina sterile.

La soluzione sterile saline spesso include una tintura blu, che cambia il colore dell’urina in blu o verde nel caso in cui vi sia una rottura del palloncino. Ricorda che se hai una perdita, devi rivolgerti immediatamente al tuo medico per togliere il palloncino prima che possa scivolare nell’intestino.

al tuo medico per togliere il palloncino prima che possa scivolare nell’intestino. In genere, non riempiamo il palloncino alla sua capacità massima, poiché potrebbe potenzialmente causare un mal di stomaco indebito. Dunque, qualsiasi tipo di palloncino avrà una dimensione di circa 11 cm, come un pompelmo, occupando 1/3 del volume totale dello stomaco.

Esistono anche metodi come Obalon ed Elipse che non richiedono l’inserimento endoscopico. Vengono ingeriti come fossero una compressa.

I.In clinica, si ingoia una compressa espandibile che attraverserà l’esofago verso il basso verso lo stomaco, in fluoroscopia permettendoci di seguire in tempo reale le immagini in movimento della compressa.

La pillola del palloncino gastrico da deglutire è attaccata a un catetere collegato a un dispositivo utilizzato per gonfiare il palloncino gastrico una volta posizionato nello stomaco. Poiché la capsula viaggerà naturalmente verso lo stomaco, come fosse cibo, non sarà necessaria anestesia o un processo endoscopico.

II.Il palloncino gastrico viene gonfiato tramite il catetere collegato.

Il materiale di riempimento varia in base al tipo di palloncino gastrico utilizzato. Obalon viene gonfiato con esafluoruro di zolfo azoto, mentre Elipse viene riempito con soluzione salina.

Bisogna sottolineare che il sistema Obalon è composto da tre palloncini, ciascuno dei quali ha all’incirca le dimensioni di un’arancia una volta gonfiati. Però, non sono ingeriti tutti e tre contemporaneamente. Dopo aver ingerito il primo palloncino, è necessario visitare il medico un mese dopo per ingerire il secondo palloncino. Due mesi dopo l’inserimento del secondo, bisognerà recarsi dal medico per il terzo e verranno gonfiati tutti come precedentemente spiegato.

Recupero e la tua vita con il palloncino gastrico

Il palloncino gastrico è un corpo estraneo nello stomaco. Sarà dunque normale sentire un disagio per 3-5 giorni dopo l’inserimento. Si possono presentare:

•Nausea

• Crampi

• Vomito

•Bruciore di stomaco

Queste problematiche scompaiono solitamente entro la prima settimana. Per ridurre questi effetti e per proteggere lo stomaco, sarà necessario assumere un farmaco antiacido per prevenire ulcere o gastriti (entrambe sono possibili effetti collaterali della procedura).

Cosa puoi mangiare con il palloncino intragastrico?

Dopo l’inserimento del palloncino gastrico, i pazienti potranno ingerire solo liquidi per tre giorni. Si potrà poi passare lentamente a una dieta semi-solida. Entro due settimane circa, molti pazienti sono in grado di consumare nuovamente cibi solidi.

Bisogna tenere a mente che il palloncino gastrico non è una procedura malassorbente. Questo vuol dire che assimilerai tutte le calorie che consumi e per questo sarà importante mantenere una dieta equilibrata e sana. I dati dimostrano è possibile ottenere una perdita dei chili in eccesso che varia dal 30% al 47%. L’adozione di una dieta sana e l’attività fisica regolare aiuteranno a mantenere la perdita di peso.

Rimozione del palloncino gastrico

I palloncini gastrici inseriti non sono permanenti. Dopo il periodo di tempo indicato in base al sistema di palloncino intragastrico, questo viene sgonfiato e rimosso per via endoscopica. Potrebbe essere necessaria una sedazione prima della procedura endoscopica. Il sistema Elipse non richiede una procedura endoscopica, dopo 16 settimane dall’inserimento il palloncino percorre il tubo digerente e viene eliminato naturalmente per escrezione.

È importante ricordarsi di non mangiare alcun cibo solido 24 ore prima del processo di rimozione. Inoltre, non bere alcun liquido per 12 ore della rimozione.

Quanto dura un palloncino gastrico?

La maggior parte dei palloni gastrici (Reshape, Orbera, Obalon, Medsil e Medicone) vengono tenuti nello stomaco per 6 mesi. Dopo questo periodo, il volume del palloncino gastrico si riduce progressivamente e questo può aumentare il rischio di ostruzione duodenale, causata dallo scivolamento del palloncino nel duodeno, la prima parte dell’intestino tenue. Perciò, è fortemente consigliato di rimuovere il palloncino nei tempi stabiliti. Qualora al termine dei sei mesi non ci sia stata una perdita di peso soddisfacente sarà possibile ripetere la procedura ma si sconsiglia fortemente di mantenere il palloncino nella speranza di perdere più peso.

l sistema Spatz3 ha invece una durata nello stomaco di 12 mesi. Lo Spatz3 è un “palloncino gastrico regolabile” perché è possibile gonfiarlo a intervalli di 3 mesi per aumentarne il volume e diminuire gradualmente la quantità di cibo che è possibile assumere in una sola volta, impedendo allo stomaco di adattarsi al palloncino. Gli altri sistemi che rimangono nello stomaco per 6 mesi non possono essere regolati.

I rischi e i risultati del palloncino intragastrico

È di estrema importanza essere informati sui possibili rischi associati al palloncino intragastrico e sui risultati realisticamente ottenibili quando ti sottoponi a questa procedura. Bisogna anche ricordare che i rischi e i risultati variano di paziente in paziente, anche in base alla situazione del paziente e al suo stile di vita.

Che tipo di risultati puoi aspettarti?

Gli studi dimostrano che i pazienti perdono all’incirca da 10 kg a 25 kg con l’utilizzo del palloncino intragastrico attualmente disponibile in commercio nelle sue varianti. Questa perdita di peso porta ad una riduzione di rischi di problemi di salute correlati all’obesità potenzialmente gravi, come:

• Alta pressione sanguigna

• Apnea del sonno

  • Steatosi epatica non alcolica (NAFLD) e steatoepatite non alcolica (NASH)

• Malattia da reflusso gastroesofageo (GERD)

Malattia cardiaca o ictus

I palloncini gastrici sono reversibili e non richiedono alcun metodo invasivo per rimuoverli. Allo stesso modo, se non avrai perso un peso sufficiente, puoi ripetere la procedura.

 

 

Quali sono i possibili rischi e le complicazioni?

È possibile ridurre la possibilità di complicazioni spiacevoli con alcuni farmaci ma sarà ancora possibile poter sperimentare effetti collaterali spiacevoli effetti a seguito di un palloncino gastrico. Gli effetti collaterali più comuni riscontrabili sono:

• Reflusso acido, risolvibile con farmaci prescritti dal medico

• Nausea e vomito, soprattutto dopo i primi due giorni

• Vomito dopo i pasti

•Crampi allo stomaco

La complicazione più rara ma anche più notevole è la possibile rottura del palloncino gastrico, che potrebbe causare un’ostruzione intestinale a seguito della fuoriuscita del dopo materiale di riempimento, portando il palloncino sgonfio a migrare nell’intestino. Per evitare questa possibilità si usa una tinta blu per colorare il liquido che riempie il palloncino come “avvertimento”. Diverse potrebbero essere le cause per la rottura, come i cambiamenti nella pressione dell’aria. Pertanto, si consiglia di evitare attività come paracadutismo o le immersioni subacquee durante il trattamento. Molti chiedono se sia sconsigliato viaggiare in aereo con un palloncino gastrico. Durante il volo possono verificarsi gonfiori o crampi passeggeri, il palloncino gastrico tollera in sicurezza i cambiamenti di altitudine quando si viaggia in aereo.